CARICAMENTO

Cerca

Gender reveal party: come lo fanno gli americani (in 20 foto)

Mammarketing 10 maggio 2016
Condividi

Amo la cultura anglosassone perché fa di ogni occasione un motivo per festeggiare, e le feste sono sempre organizzate in grande. Per esempio, sapete che in America si usa organizzare una grande festa per annunciare il sesso del nascituro?

Si chiamano gender reveal parties, feste in doppio colore: blu e rosa. Solo i futuri mamma e papà conoscono il sesso del figlio in arrivo. Gli invitati possono scegliere la loro spilletta o un altro simbolo del colore su cui scommettono. Gli allestimenti sono tutti in tema e il momento topico è la rivelazione: palloncini rosa o azzurri che volano in cielo, taglio della torta con crema del colore giusto, esplosioni con polvere da sparo per maschio o femmina, zollette che colorano di un colore o dell’altro lo champagne pronto per il brindisi, e mille altri modi che la fantasia dei genitori ‘partorisce’. Lo stesso vale per gli annunci affidati agli scatti fotografici.

Anche noi nel nostro piccolo abbiamo affidato a una torta che nascondeva una crema azzurra o rosa l’annuncio ai nonni e agli zii dell’arrivo di un nipotino o una nipotina. E’ sempre un momento emozionante e divertente. Ognuno di loro aveva le sue preferenze anche se a rivelazione fatta va bene tutto a tutti.

Io ho capito che si trattava di un maschietto alla nona settimana, ma ho voluto attendere l’ufficialità della morfologica per averne la certezza. Per un po’ infatti volevo godermi la sorpresa ma, sarà perché ho un dottore bravissimo, sarà che il suo ecografo è di ultima generazione, penso che si debba essere ciechi per non vedere il sesso del bebè in 40 settimane di attesa!

Mi viene in mente una delle vignette di Lucy Scott, mamma e illustratrice, che ha raccontato attraverso disegni nel suo “Doodle diary of a new mum” alcuni luoghi comuni dell’essere mamma:

scan

Un altro maschietto, dunque: per il primo figlio desideravo proprio un maschio, stavolta andavano bene entrambi, pensavo spesso alla femminuccia, forse perché lo stereotipo della famiglia tradizionale è così. Invece mi sono resa conto che questo non è proprio un problema, arriva quello che il destino vuole ed è così bello da ubriacare. Il pensiero invece è un altro: se prima non riuscivo a immaginare come fosse avere un figlio, e poi non riuscivo a immaginare come fosse essere una bismamma, ora non riesco a pensare a come sarà un secondo figlio maschio, avendone già uno che adoro e amo immensamente. Dicono che sia una sensazione comune alle mamme, e che poi “tutto l’amore che c’è” e che già occupa ogni angolo del cuore raddoppi in modo naturale. Posso solo dire che lo vorrei esattamente come Matteo, e l’idea che ne avrò due mi riempie di gioia e mi fa essere contenta di rimanere la regina della casa (regina suprema di una repubblica fondata sullo sport, ma ce la farò compensando in shopping tutto per me!)

Tornando al gender reveal party e alle feste “ammerigane”, ecco una gallery con 20 immagini che mi sono piaciute di più e che conservo dai tempi di Matteo.
Gender reveal cakeTorta per rivelare il sessoaa87538f38ac6632d43aa1050a42b7706ae2a6a2ab0d66dd6bcc550b997f2a3a

Questa è la mia preferita, come realizzare un gratta e vinci. Lo useró di sicuro in uno dei miei prossimi art attack!

Questa è la mia preferita, come realizzare un gratta e vinci. Lo useró di sicuro in uno dei miei prossimi art attack!

36240750c43d4b1034a91e10470145f095e6506afb0bc4d453b6b816d21fc1bf7bac499f607a7d8ded9bcc5f631e88a61b3f4235c31b10eb50738bf358ae1821

92cd3b358061f6f978a513aa246fc3e0

che287c05fc4adc403683bdca0ed19bce7f307c00d11f8049a83c6fe07742f7fead84abd2a2f82ec3d6976a91569e7419cb6af09e4098aaf6bcd9d0c72ab9ede887a4abb94d5a849540f104143f5292fb9

5b5d4b9caaa153f9dcab95cd014e0f273ba6b35b030112ed9e3e0df54e4921b1

(foto da Pinterest)

Segui Mammarketing anche su Facebook , Twitter e Instagram!

Tags: